Senza Categoria

Le proprietà nutraceutiche dell’asparago

posted by Annalisa Taccari maggio 19, 2017 0 comments

L’asparago appartiene alla famiglia delle Liliacee (come aglio e cipolla). Si distinguono due tipologie, l’ Asparagus officinalis che è l’asparago coltivato e l’Asparagus acutifolius cioè quello selvatico, detto anche asparagina. E’ un alimento il cui consumo avviene in pochi mesi all’anno (tra marzo e maggio) ed ha  interessanti proprietà salutistiche.

Ha poche calorie in quanto contiene per la maggior parte acqua ed è un’eccellente fonte di fibre alimentari (circa 2 grammi). Queste fibre sono i fruttooligosaccaridi (FOS), tra cui l’inulina, sfuggono ai processi digestivi e vengono fermentate nel colon dai batteri della flora intestinale. I FOS sono in grado di stimolare la crescita della microflora intestinale positiva (Bifidobatteri e Lattobacilli) e determinano una diminuzione dell’incidenza dei tumori del colon. Inoltre un recente studio ha identificato un composto chiamato asparanina A che arresta la crescita delle cellule tumorali del fegato attraverso l’apoptosi (morte cellulare).

Come è possibile osservare dalla tabella, l’asparago ha un basso contenuto di sodio, è ricco di potassio e contiene acido folico, vitamina B1 e B6. La concentrazione di alcuni minerali come calcio, magnesio e fosforo aumenta con il suo processo di maturazione, mentre la concentrazione di sodio diminuisce.

Inoltre contiene l’acido aspartico, un aminoacido non essenziale che conferisce proprietà diuretiche per l’effetto irritante sull’epitelio renale. Ad alcuni suoi metaboliti venne originariamente imputato il tipico odore che assumono le urine quando si mangia questo ortaggio. In seguito si è scoperto che oltre all’abbondante produzione di metil-urea, il fenomeno è determinato da alcuni composti solforati.

Gli asparagi contengono anche una vasta gamma di fitonutrienti con azione antiossidante e anti-infiammatoria. Ad esempio contiene la rutina, un flavonoide che serve a rinforzare le pareti dei capillari (sembra avere un ruolo attivo nella diminuzione di casi di eczema) e il beta carotene, un carotenoide precursore della vitamina A. Grazie al contenuto di saponine, di polifenoli e di minerali questo vegetale è un ottimo alleato contro la ritenzione idrica. Inoltre può ridurre la pressione sanguigna per la presenza del composto 2-idroxinicotianamine che agisce da ACE inibitore.

In Italia nel periodo primaverile ci sono  numerose fiere dedicate all’asparago come la Mostra dell’Asparago IGP di Badoere (TV), quella di Mesola (FE), di Tribano (PD) o quella dell’asparago bianco di Zero Branco (TV).

 

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI:

Kulczyński B et al (2016) Antiradical capacity and polyphenol composition of asparagus spears varieties cultivated under different sunlight conditions. Acta Sci Pol Technol Aliment 15(3):267-279.

Li XM (2017) Two new phenolic compounds and antitumor activities of asparinin A from Asparagus officinalis. J Asian Nat Prod Res 19(2):164-171.

Mitchell SC (2013) Asparagus, urinary odor, and 1,2-dithiolane-4-carboxylic acid. Perspect Biol Med 56(3):341-51.

Sanae M et al (2013) Green asparagus (Asparagus officinalis) prevented hypertension by an inhibitory effect on angiotensin-converting enzyme activity in the kidney of spontaneously hypertensive rats. J Agric Food Chem 61(23):5520-5.

Articoli correlati

You may also like

Leave a Comment